Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

I MIEI PASSATEMPI


Cucina

Fiori

Chiacchierino

Applicazioni

trecce lampada

Maglia

 

  brindisi-2.jpg

  Chiacchiere

 

  

 

 

Testo Libero

SDC11008

 

Una decorazione preziosa firmata D P






Ma se metto il naso fuori del mio giardino...........

Le rose del mio giardino 
Le rose del mio giardino


La pesca Paola esemplare unico dell'unico pesco del
mio giardino


Archivi

26 ottobre 2010 2 26 /10 /ottobre /2010 18:35

Si chiamano così. Sono Amaretti tutto l'anno e quando arriva Ognissanti e il 2 Novembre diventano Fave dei morti. Adesso ci siamo americanizzati e festeggiamo Halloween con grande felicità dei nostri bambini che si vestono da mostri e da fantasmi senza sapere perchè e vengono a bussare alle nostre porte chiedendo "dolcetto o scherzetto?". Questa tradizione che viene dall'Irlanda e che fa delle zucche gialle le regine della festa ha fatto invasione anche  da noi che tuttavia non ne conosciamo l'origine. Ci siamo dimenticati delle nostre belle tradizioni? So che ogni regione ha affidato a dolci particolari il compito di riconoscere la ricorrenza. Ricordo che in Liguria, mia regione adottiva per ben 37  anni, tradizione vuole che si mangino in questo periodo le "ossa dei morti". Noi invece gradiamo trovare sulle nostre tavole questi amaretti di mandorle dolci o amare che chiamiamo appunto

 

Fave dei morti

 

buoni.jpg

 

 

Si trovano in pasticceria dolci o amare a seconda della preferenza dei palati, morbide o friabili a seconda delle esigenza di dentiera

Io ho provato a farli così con:

 

175 gr di mandorle frullate finemente

(chi preferisce può sostituire 25 gr di mandorle dolci con uguale quantità di amare 

175 gr di zucchero

2 albumi rigorosamente a temperatura ambiente

qualche goccia di limone

1 bustina di vanillina

 

Montare gli albumi con una frusta elettrica e con l'aiuto di qualche goccia di limone aggiungendo man mano lo zucchero fino ad ottenere un composto molto sodo tanto sodo che quando si tolgono le fruste esse dovranno lasciare l'impronta. Il limone e la temperatura ambiente consentiranno di ottenere questo risultato. Foderare una teglia con carta forno e distribuirvi dei mucchietti della grandezza di una grossa noce. Si può usare un sac a poche o semplicemente un cucchiaino. Infornare a 170° statico per circa 30 m.

Provateli. Sono deliziosi. Parola mia.

Qualcuno può suggerire altre dolci tradizioni?   

 

Condividi post

Repost 0
Published by Liliana - in Cucina
scrivi un commento

commenti

ljerka 10/27/2010 22:17


Pochi giorni fa chiedevo mie amiche cosa sono Fave dei morti e mi hanno spiegato.Mi sembra che sono facili da lavorare.Appena trovo un po di tempo ci provo poi te lo dico......se non vengono
piattate.