Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Presentazione

I MIEI PASSATEMPI


Cucina

Fiori

Chiacchierino

Applicazioni

trecce lampada

Maglia

 

  brindisi-2.jpg

  Chiacchiere

 

  

 

 

Testo Libero

SDC11008

 

Una decorazione preziosa firmata D P






Ma se metto il naso fuori del mio giardino...........

Le rose del mio giardino 
Le rose del mio giardino


La pesca Paola esemplare unico dell'unico pesco del
mio giardino


Archivi

20 settembre 2013 5 20 /09 /settembre /2013 23:14

UN ABBRACCIO SOFFICE COME UN SOSPIRO

 

Stiro  e disegno profili con la mente come un pittore paesaggi sulla tela.  Tutto dopo avere respirato una realtà  che mi ha nutrito la mente, il cuore e l’anima. Realtà con sentimento per  un incontro ormai consueto ma che si ripete  con toni nuovi e dinamici e che mi riempie sempre di stupore per l’emozione che mi suscita. Una volta in diciotto , un’altra in quattordici, tante volte in quattro. Questa volta eravamo in sette ed è successo ieri. Vecchie compagne di un viaggio tra i banchi di una scuola con altri e alti schemi  didattici e di vita che,rispetto a quelle che si ereditano dalla scuola di oggi, hanno lasciato altre e alte impronte.

 

Mi hanno raggiunto in casa alla spicciolata e subito si è creato l’incanto della sintonia che si instaura sempre tra di noi. Abbiamo cominciato a sguazzare tra sensazioni, descrizioni, risate, accordi, complimenti sinceri, aggiornamenti, confidenze, comprensione, foto di nipoti, aneddoti sugli stessi , te e pasticceria casalinga, scambio di ricette,  apprezzamenti ….. Della mia “Torta di mele della Zia Rina, impoverita delle mele, arricchita con uvetta e pinoli e trasformata in  biscotti, è stata chiesta la ricetta e io non mancherò di trascriverla  qui di seguito.

 

Un bel quadro e la sua bellezza si è potuta leggere sul volto dell’uomo (mio marito) che si è inserito nel contesto con una espressione meravigliata e divertita al tempo stesso. Sul suo viso sorridente si è dipinto il compiacimento, per la realtà di questa amicizia che ha sfidato il tempo e la distanza, e il calore della sua anima estimatrice delle donne in quanto mamme, nonne, compagne, confidenti e anche un po’ psicologhe. Lasciatemelo dire, visto che per un po’ ha fatto parte del quadro, un cavaliere gentile anche se senza corazza e senza spada. Sollecitato più tardi a dare un giudizio su di noi  ha detto che eravamo fantastiche.

C’era Gabriella: lineare,felpata,discreta,materna, soffice, dolce e se dovessi definirla con un colore le dedicherei il rosa.

E poi Luciana: lapalissiana, affusolata,concreta,rassegnata,incassatrice. A lei dedico il colore arancio che è anche il nome dell’albero il cui  frutto  può essere aspro, ma  se è dolce è gustosissimo

E Luisa: compatta, solida,organizzatrice,disponibile,dolce,realistica,stabile. Di lei aggiungo madre al valore e per  il colore  dei suoi occhi,  che riflettono la sua chiara onestà e la delicatezza del suo animo, le dedico l’azzurro.

C’era l’immancabile Anna: autorevole, sicura, concreta, impavida, atleta, per meriti recenti scalatrice, non di un sasso qualunque ma di un Gran Sasso,teologa, grande conoscitrice dei misteri della fede, profondamente credente. Non posso che dedicarle il rosso.

Marisa: affabulatrice, filosofa, saggia, cristallina, stupita,viaggiatrice, concreta anche lei , solare e per questo le dedico il giallo.

Paola: fantastica! Saggia e filosofa, consapevole e svagata, ironica e sincera, delicata e piccante, un po’ inglese, con una sfumatura di malinconia. A lei  voglio dedicare, perché le voglio un mondo di bene,  un arcobaleno dei più teneri colori pastello.

E naturalmente c’ero anch’io: Liliana detta Lilli: niente aggettivi o meditazioni. Non posso su di me. Rischierei di autocelebrarmi-demolirmi. Leggetemi come mi percepite e dedicatemi il colore che ritenete più opportuno e poi fatemelo sapere e lo annoterò come Post Scriptum.

E comunque grazie  Gabriella, Luciana, Luisa, Anna, Marisa, Paola. Grazie per essere mie amiche e grazie per avermi avvolta col vostro abbraccio soffice e tenero come un sospiro.

Venerdì,  20 settembre 2013

 

 P. S.

Ciao Lilli, grazie per la bella serata che ci hai fatto trascorrere. Mi dispiace non aver fatto una fotografia: un gruppetto di settantenni che in quella tua cucina con la modernità degli elettrodomestici, il computer aperto sul tavolo e i dolcetti e il te da te preparati con grande affetto, raccontandosi,  si sentivano   ancora giovani. Grazie anche a tuo marito affettuoso ed efficiente. 

Sei stata molto brava ad attribuire i colori. Io istintivamente avrei attribuito l’arcobaleno a te e a Paola il blu (dal tenero azzurro al blu più intenso del mare,  del cielo e dell’infinito), perciò il blu lo attribuisco a te e forse è proprio il tuo colore.

Grazie per la bella serata.

Marisa.                                                                           Mercoledì, 25 settembre 2013

     A te Lilli dedicherei il colore verde perchè hai tanta voglia di fare (dolci buonissimi e tanti manicaretti tutti presentati magnificamente), tanta creatività e tanta fantasia nello scrivere e raccontare le cose. Un abbraccio , Gabriella.    

                                                                                 Sabato, 5 ottobre 2013      

 

FUGA DI MELE CON UVETTA E PINOLI

250 gr di farina  

80 gr di burro  

175 gr di zucchero

3 uova

Scorza grattugiata di un limone

Un pizzico di sale

3 o 4 cucchiai di latte

1 bustina di lievito

Uvetta e pinoli a piacere

½ tazza di vermouth o marsala secco

 Battere le uova con lo zucchero e poi con il burro fuso. Aggiungere la scorza di limone e il sale. Mescolare la farina al lievito,  aggiungerla al composto mescolando delicatamente e aiutandosi con il latte. Foderare una teglia rettangolare con carta forno e versarvi il composto livellandolo con una spatola. Spargervi sopra l’uvetta precedentemente ammollata in mezza tazza di vermouth o marsala secco o altro liquore a piacere e i pinoli. Infornare a 180° statico per 30 m.

SDC11798.JPG

Condividi post

Repost 0
Published by Liliana - in Cucina
scrivi un commento

commenti

MARINELLA 10/03/2013 17:50

nel commento mi sono dimenticata di mettere il mio nome. marinella

marinella 10/03/2013 17:47

Cosa darei per aver la tua scioltezza nello scrivere, per poter entrare nel cuore delle persone, per esprimere sentimenti e sensazioni come se fosse la cosa più naturale di questo mondo. Non ti
dico che sei brava perché sarei banale, dico che sei un fenomeno , così come devono essere le tue amiche che qualcuna ho avuto il piacere di conoscere .Per il colore anche io sceglierei quelli
dell'arcobaleno.ciao

ljerka 10/03/2013 16:33

Un comento di corsa....Finalmente hai aggiornato e vedo che sei stata in bella compagnia...bacio LJ